Pubblicato in: Diario

L’alieno

Mettiamo caso che vi svegliate una mattina completamente nudi su un tavolo, con intorno luci sparate, suoni assurdi e tanto freddo.
Mettiamo caso che intorno a voi ci siano alieni che ovviamente non parlano la nostra lingua e che continuano a indicarvi facendo suoni strani.
E infine mettiamo caso che i vostri arti non rispondano più ai comandi che conoscete e non riuscite a muovervi.
Che fareste?
Piangereste?
Bene, questo è quello che accade ad un bambino appena nato, che ha come unico strumento il pianto per comunicare con esseri alieni che lo circondano e gli fanno fare cose assurde.
Lasciar piangere un bambino perché altrimenti “prende il vizio” è aberrante.
Lasciarlo piangere perché altrimenti poi ogni volta che piange lo devi prendere in braccio è agghiacciante.
Un bambino ha bisogno di un filtro con il mondo.
Non possiamo pensarlo già adulto.
Ci sarà tempo per crescere.
Prenderà la patente, andrà all’università, lavorerà e fidatevi, perderà il vizio di starvi in braccio.
Gli state donando il coraggio di avere un porto sicuro. La forza di staccarsi sapendo di avere una protezione.
Il sapere che anche se il mondo è brutto ho un abbraccio dentro cui piangere.

Annunci

Autore:

"Autore di format televisivi, scrittore di racconti e romanzi, sceneggiatore teatrale, creativo. Non è semplice riunire in una sola parola il mio lavoro. Diciamo solo che la mia vita è per la scrittura." Specializzato in Editoria e Giornalismo presso “La Sapienza” di Roma. Laureato in Arti e scienze dello spettacolo indirizzo Cinema presso la facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Improvvisatore professionista del circuito nazionale Improteatro, certificato SNIT. Autore di spettacoli teatrali e televisivi. Attore e responsabile della compagnia di improvvisazione "Appiccicaticci" con la quale collabora attivamente con Lillo e Greg nella trasmissione 610 su Radio 2. E’ cofondatore del trio Appiccicaticci con il quale ottiene alcuni tra i riconoscimenti più importanti della comicità italiana, tra cui il premio Charlot ed il Carlino d’oro e con cui entra a far parte del circuito dei maggiori festival buskers italiani. Da agosto 2011 con il gruppo degli Appiccicaticci partecipa artisticamente all'occupazione del al teatro Valle Occupato ove realizza spettacoli di improvvisazione. Ideatore e fondatore della compagnia di improvvisazione teatrale "Testi Mobili". Negli anni ha frequentato i laboratori di scrittura creativa con Vincenzo Cerami, Federico Basso e M.L. Compatangelo. Ideatore della web serie di successo "Sithome" e creatore di diversi format di formazione e intrattenimento per privati e aziende

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...